Approfondimento della notizia pubblicata sabato 25 maggio 2002 alle ore 00:00

Argomento: Argomento generale
Personale: Tutto il personale in servizio
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

AUTOAGGIORNAMENTO
Avviata la contrattazione integrativa.
Si devono fissare i criteri e le modalità relative al rimborso per le spese di autoaggiornamento, debitamente documentate, sostenute dai docenti, fissato in 35 milioni di euro dall’art. 16 comma 3 della legge 448/2001 (legge finanziaria per il 2002). Lo SNALS-CONFSAL sostiene che per i docenti è stata una conquista il riconoscimento, per la prima volta, del rimborso, anche se parziale, delle spese di autoaggiornamento. L’esiguità della cifra messa a disposizione per l’a.f. 2002, che si tradurrà in poco più di 35 euro pro-capite, non deve distogliere Parte Pubblica e OO.SS. dall’affrontare la questione con l’obiettivo di scrivere un accordo che, stabilendo principi, possa sortire i propri effetti anche nei prossimi anni, se, come lo SNALS-CONFSAL auspica, le risorse destinate a tal fine avranno un congruo aumento nelle prossime finanziarie. Lo Snals ritiene che i 35 milioni di euro sono risorse extra-contrattuali, al netto di ogni ritenuta fiscale e previdenziale destinate “ad personam”, quale “benefit”, per rimborsare le spese personali sostenute da ciascun docente per migliorare le proprie competenze professionali. In questa prospettiva abbiamo sostenuto che i 35 milioni di euro vanno ripartiti tra le scuole in ragione del personale docente in servizio ed assegnate, senza valutazioni di sorta, ai docenti che documenteranno le spese sostenute. L’accordo integrativo, pertanto, deve fissare, secondo la nostra proposta, i seguenti parametri: - definire cosa si intende per autoaggiornamento (partecipazione a corsi, stage, ma anche acquisto di testi, software, hardware, attivazione di abbonamenti a giornali, riviste, anche on line, ecc.); - fissare il termine entro il quale presentare la richiesta documentata di rimborso; - fissare il termine entro il quale procedere da parte dell’istituzione alla liquidazione del compenso; - escludere, nelle modalità predette, ogni competenza autorizzativa e/o di valutazione da parte del collegio dei docenti o di altri organismi interni e/o esterni all’istituzione; - la liquidazione del rimborso è atto interno all’istituzione che vi provvederà con mandato di pagamento intestato a ciascun docente secondo la quota nazionale prefissata in riferimento al numero dei docenti in servizio sia a tempo indeterminato che a tempo determinato con nomina annuale_ - qualora in ciascuna istituzione dovessero residuare delle quote, per mancanza di richiesta di rimborso, esse saranno successivamente ripartite tra coloro che ne hanno già beneficiato in riferimento alle spese sostenute e documentate. Ripetiamo, la somma a disposizione quest’anno è modesta, ma rimane il nostro impegno affinché nella prossima finanziaria essa venga potenziata. Ecco perché chiediamo che l’accordo integrativo che sigleremo si caratterizzi secondo criteri di semplificazione delle modalità di assegnazione del rimborso ai docenti, escludendo qualsiasi “interferenza” che possa vanificare il riconoscimento dei “percorsi individuali di aggiornamento e formazione” che, a parere dello SNALS-CONFSAL, sono autentica espressione della libertà di insegnamento.

.

 
 
 IL PERSONALE DOCENTE
 IL PERSONALE A.T.A.
 PERS. DIRETTIVO E INC.
 TUTTO IL PERSONALE
 PENSIONATI
 AMMINISTRATIVI
 DOC. SCUOLA INFANZIA
 DOC. SCUOLA ELEMENTARE
 DOC. MEDIE INFERIORI
 DOC. MEDIE SUPERIORI
 PRECARI MEDIE
 TUTTI I PRECARI
 PRECARI SET. PRIMARIO
 D.S.G.A.
 ASSISTENTI AMM.
 COLLABORATORI SCOL.
 ALTRI PROFILI ATA
 

home page

la struttura

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO