Approfondimento della notizia pubblicata lunedì 4 dicembre 2017 - ore 14:13

Argomento: Argomento generale
Personale: Precari medie inferiori e superiori
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

Tardiva attivazione dei corsi per il conseguimento dei 24 CFU

da parte degli Atenei.



Per l'accesso al concorso di docente nella scuola secondaria di primo e secondo grado è necessario conseguire 24 CFU

( commi 1, lettera b) e comma 2, lettera b) dell'articolo 5 del D.Lvo 59/2017).

 

Sono esonerati , invece, dal conseguimento dei 24 CFU coloro che

  • sono già in possesso dell’abilitazione

  • hanno insegnato per almeno tre anni

     

    Ci rivolgiamo a coloro che devono conseguire i crediti e che possono chiedere “i permessi per il diritto allo studio”.

     

    In premessa ricordiamo che il “contratto collettivo integrativo regionale concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il diritto allo studio del personale del comparto scuola” sottoscritto il 31 ottobre 2017 e valido per l'anno solare 2018, prevede che   tra i corsi di studio che danno titolo alla concessione dei permessi retribuiti è valido anche quello per il  conseguimento dei 24 CFU (di cui ai commi 1, lettera b) e 2, lettera b) dell'articolo 5 del D.Lvo 59/2017).

     

     

    Poiché alcuni Atenei non hanno ancora attivato i corsi per il conseguimento dei 24 CFU ed hanno

     fissato la scadenza per la immatricolazione a dicembre e gennaio 2018, per non danneggiare chi ha diritto a fruire dei permessi per diritto allo studio a decorrere all’1.1.2018

    l’ USR Veneto  comunica:

     

    1) le II.SS. possono accogliere le domande di permessi diritto allo studio, finalizzate alla frequenza dei corsi  per il conseguimento dei 24 CFU degli aspiranti che risultano già iscritti alla data del 30.11.2017;

     

    2) dopo l’approvazione della graduatoria provinciale definitiva dei beneficiari dei permessi diritto allo studio per l’anno solare 2018, gli aspiranti che si sono iscritti ai corsi in questione dopo il 30.11.2017 potranno presentare specifica domanda che sarà accolta nei limiti della capienza del contingente provinciale.

     

     

    Riportiamo la nota della dell’USR Veneto

     

     

     

    DIREZIONE GENERALE

    Ufficio III - Personale della scuola.

    Riva de Biasio – S. Croce 1299 - 30135 VENEZIA

     

     Nota 1647. Del 30-11-2017

     

    permessi per il diritto allo studio anno solare 2018 – art. 4 lettera C) del Contratto

    integrativo regionale (C.I.R.) sottoscritto il 31.10.2017 - Tardiva attivazione dei corsi

    da parte degli Atenei

     

    Si fa seguito alla nota prot. 20858 del 23.11.2017, con la quale è stata comunicata, solo per gli aspiranti che chiedono di frequentare i corsi in oggetto, la possibilità di presentare la domanda entro il 30 novembre 2017.

     

    Alcuni Atenei, tuttavia, non hanno ancora attivato i predetti corsi, fissando la data di conclusione per l’immatricolazione a dicembre inoltrato o addirittura a gennaio 2018.

     

    Poiché attendere la conclusione delle immatricolazioni in tutti gli Atenei del Veneto comporterebbe un detrimento per tutti gli altri aspiranti che, si ricorda, hanno diritto a fruire dei permessi per diritto allo studio a decorrere all’1.1.2018, si comunica quanto segue:

     

    1) le II.SS. possono accogliere le domande di permessi diritto allo studio, finalizzate alla frequenza dei corsi di cui all’ art. 4 lettera C), degli aspiranti che risultano già iscritti alla data del 30.11.2017;

     

    2) dopo l’approvazione della graduatoria provinciale definitiva dei beneficiari dei permessi diritto allo studio per l’anno solare 2018, gli aspiranti che si sono iscritti ai corsi in questione dopo il 30.11.2017 potranno presentare specifica domanda che sarà accolta nei limiti della capienza del contingente provinciale.

     

    Per i corsi erogati in modalità telematica si ricorda quanto sancito dal CCIR sottoscritto il 31.10.2017 che all’art. 10, comma 10 prevede che il dipendente attesti, con dichiarazione redatta sotto la propria responsabilità ai sensi dell’art. 46 e 47 del DPR 445/2000, l’avvenuta partecipazione alle lezioni online durante l’orario di lavoro nonché l’impossibilità di collegarsi in orario diverso da quello di servizio.

     

    Si ringrazia per la consueta collaborazione.


 

 

home page

lA STRUTTURA

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO