Approfondimento della notizia pubblicata mercoledì 27 novembre 2013 - ore 10:24

Argomento: Concorsi ordinari e riservati
Personale: Tutto il personale in servizio
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

PAS

Per coloro che frequentano i Percorsi abilitanti speciali (PAS) sono stati prorogati i termini per la richiesta dei  permessi retribuiti per motivi di studio.

1.      In data 22/11/2013, il MIUR ha emanato il decreto dipartimentale n. 45, con il quale si decreta l’attuazione dei percorsi abilitanti speciali, ai sensi dell’art. 15, commi 1ter e 16bis del D.M. 249/2010.

Con tale decreto si affida agli UU.SS.RR. l’onere di trasmissione agli atenei e alle istituzioni AFAM degli elenchi degli ammessi; tali istituzioni assegnano alle varie sedi i candidati, d’intesa con i Direttori Regionali.

Il decreto disciplina i criteri di ripartizione dei candidati, secondo procedure che garantiscano la frequenza dei corsi e lo svolgimento del servizio.

Prevede, altresì, i criteri da adottare per la priorità della frequenza dei corsi, le procedure di raggruppamento per classi di concorso o accorpamento di discipline comuni, nei casi di esiguità del numero dei candidati… .

Il decreto contiene, infine, specifiche norme relative allo svolgimento dei percorsi e una norma di rinvio, per quanto non previsto espressamente nello stesso, alle disposizioni del DDG n. 58 del 25/07/2013.

 

 

2.      In data 25 novembre 2013, il MIUR ha emanato la nota prot. 12685, avente per oggetto: “Permessi retribuiti per motivi di studio. Proroga termini”, che trascriviamo di seguito integralmente.

Con tale nota il MIUR, nel ricordare che il 15 novembre sono scadute le domande per la concessione dei permessi retribuiti per il diritto allo studio, comunica che, per il corrente anno scolastico, tale termine va prorogato a favore dei docenti ammessi ai PAS di imminente attivazione. Chiede agli Uffici Scolastici Regionali e agli Ambiti Territoriali Provinciali di adottare le misure necessarie per favorire la frequenza dei PAS da parte dei docenti a t.d. e afferma l’opportunità di una redistribuzione delle ore derivanti da ammissione alla fruizione di un numero di ore inferiore al massimo, in modo da consentire l’utilizzo dei permessi ad un più elevato numero di abilitandi, pur nei limiti del contingente previsto dal DPR 395/88.

 

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca

      Dipartimento per l’Istruzione

     Direzione Generale per il personale scolastico

 

Prot. AOODGPER n.  12685                                Roma, 25 novembre 2013

Uff. III

 

OGGETTO: Permessi retribuiti per motivi di studio. Proroga termini.

 

 

Com’è noto, il 15 novembre è il termine ultimo per la presentazione, da parte degli interessati, delle domande finalizzate alla concessione dei permessi retribuiti per motivi di studio. Tuttavia, per il corrente anno, si rende necessario prorogare il suddetto termine a favore di coloro che parteciperanno ai percorsi abilitanti speciali (indetti con D.D.G. 25 luglio 2013 n. 58) di imminente attivazione.

Pertanto le SS.LL., in concomitanza con l’inizio dei i corsi, vorranno adottare ogni iniziativa utile a favorirne la frequenza da parte dei docenti in servizio con contratti a tempo determinato.

A tal fine, in previsione dell’elevato numero di richieste, si ritiene opportuno che, per ogni beneficiario che non sia ammesso a fruire del massimo delle ore assegnabili, il monte ore residuo debba essere redistribuito in modo da poter garantire la fruizione dei permessi al più alto numero possibile di abilitandi nel rispetto del contingente di cui all’art. 3 comma 3 lett. a) del D.P.R. 23 agosto 1988 n. 395.

    per IL DIRETTORE GENERALE     

 Il Dirigente Vicario

     Gildo de Angelis

     f.to G. Molitierno

 

 

    3.     Vi ricordiamo, infine, che il 4 novembre 2013 è stata sottoscritto il CCIR “concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il diritto allo studio del personale del comparto scuola”.

All’art. 4  è previsto che, tra i corsi che danno titolo alla concessione dei permessi retribuiti,sono da considerarsi “i percorsi abilitanti speciali (P.A.S.), previsti dal DDG n. 58 del 25.7.2013, riservati al personale docente non di ruolo” (lettera g.).

 

 

 

 

home page

lA STRUTTURA

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO