Approfondimento della notizia pubblicata mercoledì 18 giugno 2008 - ore 12:02

Argomento: Mobilità annuale
Personale: Tutto il personale in servizio
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

UTILIZZAZIONI ED ASSEGNAZIONI PROVVISORIE

La presentazione delle domande scade il 4 luglio per tutti: personale docente, educativo ed ATA.

Il nuovo testo deriva dal CCNI del 2006, confermato nel 2007 ed opportunamente integrato e modificato.

 

 

Per il personale docente ed educativo,  le modifiche più significative:

 

  • la valutazione dei titoli per le utilizzazioni del personale docente ed educativo sarà effettuata considerando, in base alla tabella di valutazione del CCNI della Mobilità sottoscritto il 20/12/2007, i titoli posseduti entro il termine previsto per la presentazione delle domande (art. 1 co. 6) -           

 

  • criterio di assegnazione dei docenti della scuola secondaria in caso di istituti articolati su più sedi sia dello stesso comune che di distretti differenti dello stesso comune che non costituiscono autonoma dotazione organica (art. 4, comma 3):

le modalità di assegnazione di tale personale saranno regolate dal contratto di istituto.E’ stato precisato, come già precedentemente previsto per la scuola dell’infanzia e primaria, che la continuità non può costituire di per sé elemento ostativo in caso di richiesta di assegnazione su diversa sede;

 

·        per le assegnazioni provvisorie del personale docente (art. 7) sono state apportate notevoli modifiche:

-        l’assegnazione provvisoria per altre classi di concorso è aggiuntiva rispetto a quella relativa al proprio posto o classe di concorso di titolarità.

                               -    Può essere richiesta per uno dei seguenti motivi:

w       ricongiungimento al coniuge o al convivente, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica;

w       ricongiungimento ai figli o agli affidati con provvedimento giudiziario;

w       gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da certificazione sanitaria;

w       ricongiungimento ai genitori.

Pertanto, ad esempio, non c’è più il vincolo per i coniugati di ricongiungimento al coniuge ma gli aspiranti si possono avvalere quale motivo di ricongiungimento indifferentemente di uno dei motivi previsti.

Attenzione però al fatto che la tabella di valutazione non è cambiata nell’attribuzione dei punteggi rispetto allo scorso anno e quindi un docente coniugato, che anziché al coniuge voglia ricongiungersi al figlio maggiorenne, si vede riconosciuto tale diritto quale motivo di richiesta di assegnazione provvisoria, ma il ricongiungimento al figlio maggiorenne non comporta l’attribuzione di alcun punteggio, a meno che lo stesso non sia disabile in situazioni di gravità; analogamente il ricongiungimento potrà essere effettuato ai genitori, ma se gli stessi non hanno 65 anni tale ricongiungimento non comporterà attribuzione di punteggio;

- l’assegnazione provvisoria nell’ambito dello stesso grado o classe di concorso precede quella tra gradi o classi di concorso diverse (art. 7, comma 5).

E’ stato altresì precisato che:

- l’assegnazione provvisoria in scuole del comune di ricongiungimento precede l’assegnazione per scuole di diverso comune anche rispetto alle richieste di classi o posti di grado diversi da quello di appartenenza;

- le preferenze territoriali saranno esaminate nell’ordine riportato per tutte le tipologie di posto o classi di concorso richiesti diversi da quello di appartenenza; quindi, le preferenze territoriali, in caso di richiesta di più classi di concorso o posti, saranno esaminate in maniera orizzontale; e quindi saranno esaminate secondo l’ordine di preferenze richieste in tutte le tipologie di posti o classi di concorso aggiuntivi rispetto a quello/a di titolarità.

 

  • per i titolari di cattedre o posti interi le operazioni saranno effettuate solo su

posti o cattedre o cattedre-orario (art. 7, comma 8) e, a richiesta degli interessati, anche sommando spezzoni diversi compatibili. Analogamente per il personale in part time l’assegnazione provvisoria sarà effettuata su spezzoni corrispondenti al proprio orario di servizio e, a richiesta degli interessati, anche sommando spezzoni diversi compatibili.

 

 

Specificatamente per il personale ATA le modifiche più significative:

 

 

  1. La valutazione dei titoli per le utilizzazioni del personale ata sarà effettuata considerando, in base alla tabella di valutazione del CCNI della Mobilità sottoscritto il 20/12/2007, i titoli posseduti entro il termine previsto per la presentazione delle domande (art. 1 co. 7) -           

 

  1. I  criteri di utilizzazione del personale A.T.A. a tempo indeterminato sui posti di

D.S.G.A.(art. 11 bis - nei casi in cui non sia possibile provvedere alla sostituzione dei

DSGA in base ai specifici articoli del CCNL 29/11/2007, e dell’ipotesi di Sequenza

contrattuale 28/5/2008) sono stati demandati alla contrattazione regionale;

 

  1. all’art. 18, si ripetono gli stessi motivi di assegnazione provvisoria previsti per il personale docente e cioè:

w       ricongiungimento al coniuge o al convivente, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica;

w       ricongiungimento ai figli o agli affidati con provvedimento giudiziario;

w       gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da certificazione sanitaria;

w       ricongiungimento ai genitori.

Attenzione, però, a sottolineare ai colleghi, che neanche per il personale ATA è cambiata la tabella di valutazione delle assegnazioni provvisorie;

 

  1. le operazioni di assegnazione provvisoria possono essere effettuate a richiesta degli

interessati anche su posti di part-time costituiti su più scuole (comma 8, art. 18).  Inoltre, si è puntualizzato nel medesimo comma che, per il personale part-time, può essere effettuata l’assegnazione provvisoria oltre che su spezzoni corrispondenti al proprio orario di servizio anche sommando spezzoni diversi compatibili costituiti su più scuole, tenuto conto della facile raggiungibilità delle sedi.

 

 

Per i modelli,  la consulenza e ogni chiarimento, rivolgersi alle sedi Snals della provincia di Venezia:

 

 

 

Sedi SNALS in provincia di Venezia

 

VE-MESTRE,  sede provinciale

via Aleardi 80-82 , tel. 041 958464  -  fax 041 951188

lunedì-mercoledì e venerdì dalle ore 16,00 alle ore 19,00

 

S.DONA’ DI PIAVE, sede decentrata

Corso Trentin 100 – tel. e fax 0421 331522

martedì e giovedì dalle ore 16,00 alle ore 18,30

 

PORTOGRUARO, sede decentrata

Via del Seminario 15 – tel e fax 0421 74415

lunedì e giovedì dalle ore 15,30 alle ore 18,00

 

CHIOGGIA, sede decentrata

Calle Duomo 35/a – tel e fax 041 5500785

mercoledì e venerdì dalle ore 15,30 alle ore 18,00

 

MIRANO, sede decentrata

Via della Vittoria 61/1 - Tel. 334 7294574

mercoledì e giovedì dalle 16.00 alle 18.00

 

SEDE CAAF a Mestre via Aleardi 80-82

Tel.041 977886 – fax 041 5056224

lunedì-mercoledì e venerdì

dalle ore 9,00 alle 12,30 e dalle 16,00 alle ore 19,00

 

 

home page

lA STRUTTURA

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO