Approfondimento della notizia pubblicata martedì 17 giugno 2008 - ore 11:56

Argomento: Argomento generale
Personale: Tutto il personale in servizio
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

SICUREZZA

Durante l’udienza del 7 maggio 2008 al TAR l’Amministrazione si è impegnata a verificare, in relazione all’organico di fatto, “l’eventuale violazione delle norme della sicurezza”.

 

Pubblichiamo la lettera di diffida dello Snals di Venezia inviata al Ministero, all’ USR e all’USP:

 

SINDACATO NAZIONALE AUTONOMO LAVORATORI SCUOLA

aderente alla conf.s.a.l.

segreteria provinciale di Venezia - via a.aleardi, 80-82         30172 venezia-mestre

tel. 041958464 (2 linee r.a.) fax 041951188

internet - http://www.snals.ve.it    e-mail - snals@gpnet.it

 

 

 

Prot.  206 /5 A                                                          Ve - Mestre, 17 giugno 2008

 

- Ministero P.I.

   Viale Trastevere 76/A – 00153 ROMA

 

- Uff. Scolastico Regionale

   S.Croce, 1299 – 30135 VENEZIA

 

- Uff. Scolastico Provinciale

                                                                                     via Muratori 5 – 30173 VE-MESTRE

 

 

 

OGGETTO: ATTO DI DIFFIDA E DI PARTECIPAZIONE PROCEDIMENTALE

 

 

Premesso che

 

-         questa O.S. ha ricorso avverso i provvedimenti di formazione degli organici di diritto, in quanto lesivi degli interessi collettivi dei lavoratori per la sicurezza nei luoghi di lavoro, lamentando la violazione delle norme e delle procedure di contenimento del massimo affollamento ipotizzabile per aula;

-         la formazione di classi con più di 25 alunni impone una procedura di verifica della idoneità dell’aula ai sensi dell’art. 5 allegato 1 al DM 26 agosto 1992;

-         detta procedura di verifica non è stata seguita nella formazione degli organici di diritto 2008-2009;

-         all’udienza del TAR Veneto del 7 maggio u.s. si è costituito Codesto Ministero il quale, in sede di difesa, ha dichiarato espressamente che gli “eventuali problemi di sicurezza si possono riferire alla formazione degli organici di fatto e non agli organici di diritto, tanto che “è necessario procedere alla totale revisione della situazione preventiva con l’organico di diritto, verificando classe per classe il numero reale degli alunni iscritti. Tale procedura è quella che viene definita organico di fatto”;

-         sulla base degli organici di diritto 2008/2009 risulta prospettata, allo stato, la formazione di classi con più di 25 alunni;

-         in sede di formazione degli organici di fatto 2008/2009 è quindi assolutamente necessario verificare che esistano, in ciascun istituto, aule in grado di ospitare legittimamente più di 25 alunni;

-         in particolare è necessario verificare che le porte di dette aule abbiano vie di uscita di larghezza di almeno 1,20 mt. con apertura nel senso dell’esodo (crt. art. 5, comma 6 DM 26.08.1992);

-         la verifica stessa o comunque l’esistenza di detta verifica spetta necessariamente a codesto Ministero;

-         sempre in sede di costituzione codesto Ministero ha affermato che vi è il dovere di tenere in considerazione le richieste avanzate dai Dirigenti Scolastici di sdoppiamento delle classi “anche per corrispondere ai parametri della sicurezza altrimenti non risolvibili”;

-         la formazione degli organici di fatto 2008/2009 non può prescindere da detta verifica e dall’accertamento della esistenza di un numero sufficiente di aule idonee, in ogni singolo Istituto;

-         la predetta verifica dovrà avvenire anche in assenza di una specifica indicazione del Dirigente Scolastico competente, come naturale conseguenza della decisione, di codesta Amministrazione di formare classi con più di 25 alunni;

 

 

 

Ciò premesso, la scrivente O.S.

 

diffida

 

le Amministrazioni in indirizzo, ciascuna per quanto di propria competenza,

 

1)       a tenere in considerazione il predetto obbligo e di procedere alla preventiva verifica della esistenza di un numero sufficiente, per ciascun Istituto, di aule idonee ad ospitare più di 25 alunni prima della formazione dell’organico di fatto 2008/2009;

 

2)       a formare classi con non più di 25 alunni nel caso in cui la suddetta verifica dia esito negativo;

 

chiede

ai sensi degli artt. 7 e ss. della l. 241/90,

 

·         di conoscere preventivamente quale sia l’esito della verifica suddetta,

 

·         di essere ammessa a presentare memorie ed osservazioni.

 

 

Il tutto al fine di consentire a questa OS di esercitare il proprio intervento presso gli organi competenti a tutela del personale della scuola e degli studenti.

 

 

 

 

 

Giovanni Giordano

                                                                                              segretario provinciale

 

 

 

 

home page

lA STRUTTURA

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO