Approfondimento della notizia pubblicata martedì 3 ottobre 2006 - ore 12:59

Argomento: Argomento generale
Personale: Tutto il personale in servizio
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

FINANZIARIA 2007

 Le rivendicazioni prioritarie dello Snals-Confsal … e le risposte della Finanziaria :

 

Le rivendicazioni prioritarie dello Snals-Confsal… e le risposte della Finanziaria :

 

  • Il rinnovo dei contratti,

In Finanziaria non sono previste risorse adeguate per il rinnovo del contratto scaduto da quasi un anno e ancor più si taglia del 50% quanto spetta per il passaggio da un gradone ad un altro con l'effetto di ridurre drasticamente gli stipendi.

 

  • L’immediata immissione in ruolo di tutto il personale precario

 La Finanziaria promette 170.000 assunzioni in ruolo, vincolate ad una verifica annuale ( 150.000 docenti e 20.000 Ata - nei prossimi tre anni). Ad  oggi i precari della scuola sono oltre 220.000 (più di 140.000 docenti e più di 80.000 Ata)

 

  • Rifiuto  dell’aumento degli alunni per classe, con gli nevitabili conseguenti tagli agli organici, e i tagli alle progressioni di carriera.

L'incremento medio di 0,4 alunni per classe nel prossimo anno scolastico comporterà, da solo, la perdita di più di 15.000 posti di lavoro per i docenti e di più di 4.000 posti di lavoro per gli Ata senza tenere conto delle ricadute sulla qualità del servizio

 

  • Provvedimenti a sostegno dell’handicap e dell’integrazione degli alunni immigrati.

La Finanziaria dice che va modificata la normativa sul numero dei posti di sostegno. Conseguenze?Ttagliare molte altre migliaia di posti di lavoro e negare agli alunni diversamente abili un diritto fondamentale.

 

 

Nella Finanziaria, inoltre,:

 

Si introducono ulteriori vincoli per quanto riguarda il ricorso alle supplenze brevi Con la scusa di potenziare l'autonomia scolastica ora le scuole dovranno gestire da sole i soldi per il funzionamento amministrativo e dei servizi. In pratica i soldi per pagare le supplenze, o le pulizie, non verranno più dal ministero.

 

 

Per l’istruzione professionale è previsto una riduzione del numero di ore di lezione con un'ulteriore ricaduta sul servizio e sull'occupazione e nuove possibilità di intervento nella formazione professionale per le agenzie formative legate ai sindacati confederali

 

Per gli inabili al servizio:  è previsto solo lo slittamento di un anno rispetto a quanto previsto in precedenza ed un improbabile trasferimento ad altra amministrazione.

 

Si ricorre ad un piano di riconversione su “materie affini” per i docenti in soprannumero; si tagliano altri posti di lavoro

si incrementano di 100 milioni di euro i finanziamenti alle scuole private



 

E’ una Legge Finanziaria debole nella lotta all’evasione, inadeguata per il sostegno allo sviluppo e, soprattutto, iniqua e fortemente penalizzante per i lavoratori e i pensionati.

Si tratta di un provvedimento che non coniuga equità, sviluppo e risanamento dei conti, tradendo così, a distanza di pochi mesi, lo stesso Documento di Programmazione Economica e Finanziaria.

 Non ci sono risorse per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego, non si intravedono soluzioni per il precariato e la previdenza integrativa e soprattutto vengono penalizzati settori importanti come: scuola, università, ricerca e pubblica amministrazione.

 

 

Lo Snals-Confsal   ha convocato d’urgenza gli organi statutari del Sindacato per chiamare la Scuola alla mobilitazione in prospettiva della proclamazione di forti azioni sindacali.

 

 

home page

lA STRUTTURA

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO