Approfondimento della notizia pubblicata venerdì 30 giugno 2006 - ore 11:45

Argomento: Argomento generale
Personale: Tutto il personale docente
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

RIFORMA DELLA SCUOLA

Rinviato il riordino previsto dalla Moratti.

 

Rinviato il riordino previsto dalla Moratti.

 

 

Il Senato ha approvato la conversione in legge del decreto-legge n. 173 del 12 maggio 2006, detto “milleproroghe”, perché contenente proroghe ad un certo numero di leggi, fra le quali alcune riguardano la scuola, in particolare alcuni aspetti della legge 53/03.

 

 

  1. SLITTAMENTI

L’emendamento presentato dal Governo è inequivocabile: "Le disposizioni correttive e integrative di cui all’ articolo 1, comma 4, della legge 28 marzo 2003, n. 53, possono essere adottate, relativamente ai decreti legislativi 15 aprile 2005, n. 76, 15 aprile 2005, n. 77, 17 ottobre 2005, n. 226, e 17 ottobre 2005, n. 227, entro trentasei mesi dalla data della loro entrata in vigore".

Vale a dire che per i decreti legislativi della riforma Moratti, la cui possibilità di integrazione non è ancora scaduta (18 mesi dalla loro entrata in vigore) viene posticipato il termine di ulteriori 18 mesi.

Pertanto i decreti 76 (diritto-dovere) e 77 (alternanza scuola-lavoro) possono essere modificati entro il mese di maggio 2008, mentre per i decreti 226 (secondo ciclo di istruzione) e 228 (reclutamento) ci sarà tempo fino a novembre 2008.

 

.

 

2. MODIFICHE

La scuola primaria

Resta intatto l’impianto complessivo del decreto 59/2004:

l’orario di funzionamento continua così ad essere fissato in 27 ore obbligatorie, 3 facoltative opzionali e 10 di mensa e dopo-mensa;

vengono confermate le regole per le iscrizioni alla scuola primaria (obbligo per chi compie gli anni entro il 31 agosto, facoltà per chi li compie entro il 30 aprile dell’anno successivo).

Resta inoltre confermata l’abrogazione dell’articolo 130 del TU del 1994 che consentiva la prosecuzione delle attività di tempo pieno nate con la legge 820 del 1971.

 

la scuola dell’infanzia,

Gli anticipi nella scuola dell’infanzia, di fatto già in atto, sono soggetti per altri due anni (2006-2007/ 2007-2008) alle condizioni della sperimentazione, cioè l’esistenza e l’applicazione delle intese regionali per entrare a regime dall’anno scolastico 2008-2009;

la secondaria di primo grado (ex media), 

Gli organici della scuola media continuano ad essere attribuiti sulla base del funzionamento delle classi a 30 ore settimanali (proroga fino al 2007-2008)

 

la secondaria di 2^ grado 

Non si attivano nel prossimo anno scolastico tutte le azioni propedeutiche all’avvio del 2° ciclo modello Moratti l’avvio del 2° ciclo è posticipato di un anno e, pertanto, avrà inizio dal 2008-2009.

 

 

  1. ALTRE CORREZIONI GIA’ APPORTATE ALLA RIFORMA.

Per il primo ciclo (infanzia,primaria, sec. di 1^ grado)

- la valutazione della religione avviene con nota separata,

- c’è la possibilità di utilizzare i vecchi documenti di valutazione,

- sospesa la biografia dell’alunno nel portfolio

- assegnata la quota del 20% del curriculum alle scuole.

 

Per il secondo ciclo (sc. superiore)

- blocco della sperimentazione dei nuovi licei,

- stop al decreto sulle confluenze dei vecchi indirizzi nei nuovi

- anticipo dell’efficacia del decreto sull’assegnazione del 20% agli curriculum agli istituti.

 

 

 

home page

lA STRUTTURA

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO