Approfondimento della notizia pubblicata mercoledì 16 novembre 2005 - ore 18:45

Argomento: Argomento generale
Personale: Tutto il personale docente
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

IL PORTFOLIO

 Tutto chiaro? No!

 

È stata pubblicata la CM n.84 del 10 novembre 2005: linee guida per la definizione e l’impiego del portfolio nella scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione.

 

In premessa diciamo che ritorneremo sull’argomento con una delle SCHEDE DELLO SNALS.

 

 

 

Sinteticamente anticipiamo alcune questioni:

 

 

 

  1. E’ sempre il tutor che coordina gli insegnanti nella compilazione del portfolio. E se il tutor non è stato nominato…

 

Infatti al punto 3.1. della CM 84 si parla dei soggetti coinvolti nella compilazione.

3.1 I soggetti e le loro competenze
In base alla normativa di riferimento (decreto legislativo 59/2004 e Indicazioni nazionali), i soggetti coinvolti nella compilazione del Portfolio delle competenze sono i docenti, i genitori e gli studenti.
Si indicano qui di seguito le principali funzioni ad essi attribuite

·         Docenti dell'équipe pedagogica: osservano modalità e processi d'apprendimento, e "caratteristiche originali manifestate" dagli alunni;
annotano indicazioni di sintesi; commentano lavori personali ed elaborati significativi degli alunni; selezionano prove e materiale idoneo a descrivere competenze personali; riflettono criticamente sugli elementi e sui dati acquisiti nel Portfolio per migliorare le pratiche di insegnamento e di apprendimento; valutano gli apprendimenti delle conoscenze e delle abilità e il comportamento; stimolano l'alunno all'autovalutazione e alla conoscenza di sé; collaborano con le famiglie corresponsabilizzandole nello svolgimento dei processi educativi;
concorrono alla compilazione del Portfolio, coordinati dal docente tutor; …

 

 

  1. Che cosa è previsto come obbligatorio.

 

Punto 2 – struttura del portfolio

Le parti obbligatorie, la cui struttura è predefinita e immodificabile, sono:

i dati anagrafici dell’alunno;

il documento di valutazione (la scheda dell’alunno);

l’attestato di ammissione alla classe successiva (2^ quadrimestre);

la certificazione delle competenze (al termine della scuola primaria e della scuola sec. di 1^ grado);

il consiglio di orientamento (per l’iscrizione alla scuola superiore)

Sono quelle riportate nella sezione A della modulistica allegata alla circolare.

 

 Le parti obbligatorie, la cui struttura è libera, -dunque sono possibili adattamenti decisi dalle scuole- sono quelle riportate nella sezione B della citata modulistica.
Le parti consigliate, la cui compilazione è libera, sono quelle riportate nella sezione C della predetta modulistica.

 

  1. Il collegio dei docenti è l’organo deliberante anche in materia di struttura complessiva del portfolio

 

Il punto 3 della CM 84 prevede:

 

3. COMPILAZIONE DEL PORTFOLIO DELLE COMPETENZE
I Collegi dei docenti all'inizio dell'anno scolastico vorranno dedicare particolare attenzione ai seguenti assetti ritenuti essenziali, deliberando eventuali integrazioni da apportare:

  • la struttura complessiva del Portfolio;
  • i criteri in base ai quali va operata la selezione e l'organizzazione dei documenti che più significativamente descrivono e attestano il percorso formativo dell'alunno e che garantiscono la valenza e gli aspetti orientativi e valutativi propri del Portfolio;
  • le modalità con cui gli alunni e le famiglie partecipano alla compilazione del Portfolio;
  • la periodicità e le modalità di comunicazione della valutazione alle famiglie;
  • le modalità di conservazione del Portfolio, nel rispetto della normativa vigente in materia di tenuta di atti e documenti;
  • l'eventuale struttura del Portfolio su supporto cartaceo o informatico; nel secondo caso, perché la parte formale (valutazione, certificazione, consiglio di orientamento) sia valida, occorre che il supporto informatico sia corredato della firma digitale del dirigente scolastico.

 

 

  1. E per le responsabilità sulla privacy?

 

Il Garante ha prescritto, a garanzia del rispetto dei diritti e delle libertà fondamentali dei cittadini…,(garanzie nei processi formativi degli alunni – 26.7.2005 -G.U. 8 agosto 2005, n. 183) che:
  -  ciascun istituto scolastico, in qualità di titolare del trattamento, adotti ogni opportuna soluzione per prevenire che vengano raccolti dati sensibili o oggetto di particolari cautele (es., dati relativi allo stato di
affidamento o di adozione). Ciò, con particolare riferimento ai campi nei quali l'alunno potrebbe descrivere alcuni suoi rapporti interpersonali di natura privata o vicende familiari. 

 -  chi esercita la potestà sull'alunno deve essere informato specificamente.
 - l'istituto deve impartire idonee istruzioni ai docenti che sovraintendono alla compilazione del Portfolio, affinché adottino particolari cautele nel momento in cui inseriscono o consentono di inserire dati personali.
  -  l'istituto deve designare i soggetti che possono accedere ai dati contenuti nel Portfolio quali incaricati o, eventualmente, responsabili del trattamento.

 

Su tutto ciò la recente circolare 84 ci dice che è in fase di esame, da parte dei competenti organi di controllo, lo schema di Regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari relativi agli studenti e al personale scolastico, predisposto da questo Ministero sulla base del Codice in materia di protezione dei dati personali (decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196).
Tale schema di regolamento dovrà essere approvato dal Garante della privacy.
Dopo la sua approvazione definitiva, il Regolamento sarà adottato con formale deliberazione da parte di ogni istituzione scolastica statale entro il 31 dicembre 2005.
La trasmissione del regolamento alle istituzioni scolastiche sarà accompagnata da una nota esplicativa e di orientamento per la gestione dei dati personali e sensibili, relativi agli studenti e al personale scolastico delle istituzioni scolastiche statali e paritarie.
 



 

 

home page

lA STRUTTURA

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO