Approfondimento della notizia pubblicata sabato 29 ottobre 2005 - ore 13:27

Argomento: Argomento generale
Personale: Tutto il personale in servizio
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

FINANZIARIA 2006

22 novembre 2005: Giornata di protesta dello Snals

La Segreteria Generale della CONFSAL ha proclamato una giornata di protesta di tutto il sindacalismo autonomo sulla Finanziaria per il 2006 per il giorno 22 novembre 2005.

Lo SNALS-Confsa concretizza la propria partecipazione con due azioni contemporanee e parallele:

·          assemblee in orario di servizio in tutte le scuole;

·          partecipazione alla manifestazione nazionale con una rappresentanza di tutte le province.

 

La manifestazione si terrà a Roma, presso il Centro Congressi Montecitorio, in Piazza Capranica (ex Cinema Teatro Capranica).

 

 

 

Le richieste dello Snals-Confsal

 

Richiesta di  idonee risorse finanziarie:

·           per realizzare la valorizzazione professionale dei docenti;

·          per la completa attuazione dei privisti passaggi tra arre e all’interno dell‘area e la valorizzazione delle professionalità del personale ATA;

·          per valorizzare la funzione dei dirigenti scolastici;

·           per tutti gli obiettivi previsti  dalla legge di Riforma.

 

 

I nostri emendamenti alla Finanziaria 2006 proposti al Senato su:

 

 

Organizzazione scolastica

 

·           Nella scuola dell'infanzia in presenza di alunni anticipatari  il tetto massimo di 25 alunni per sezione viene ridotto di 3 unità per ogni alunno anticipatario.

 

·          Nella scuola primaria e secondaria di I grado, al fine di favorire la migliore integrazione scolastica, il numero massimo di alunni extracomunitari per classe non può superare le 3 unità ed è diminuito di 2 unità per ogni alunno extracomunitario.

 

 

 

Personale della scuola

 

·          Al fine di assicurare il recupero integrale del potere d’acquisto delle retribuzioni è stanziata la somma di euro 3 miliardi a decorrere dall’anno 2006.

 

·          E’ autorizzata la spesa di 1 miliardo di euro per realizzare la valorizzazione professionale dei docenti, anche in relazione agli obiettivi previsti dall’art. 22 del CCNL 24.07.2003 del comparto scuola in riferimento ai meccanismi di carriera professionale per i docenti, il rimborso delle spese di autoaggiornamento dei docenti e la valorizzazione del personale ATA di cui alle lettere e), g) e h) del predetto art. 1, comma 3, legge 53/03.

 

·          Per valorizzare la funzione di dirigente scolastico, con l'obiettivo della perequazione della retribuzione complessiva con i dirigenti dell'Area I, sono previsti 50 milioni di euro per il 2006 e 80 milioni di euro per il 2007.

 

·          È autorizzata la spesa di 207 milioni di Euro finalizzata all’inquadramento del personale della scuola, già dipendente dagli enti locali e transitato nei ruoli statali ai sensi dell’articolo 8 della legge 3 maggio 1999, n. 124, nella carriera dei corrispondenti ruoli del personale della scuola sulla base di tutta l’anzianità utile ai fini giuridici ed economici acquisita e maturata nei ruoli dell’Ente Locale di provenienza.

 

·           Il personale ATA già inserito nelle graduatorie permanenti provinciali dei concorsi per soli titoli  può produrre domanda di inserimento nella graduatoria permanente di altra provincia per il medesimo profilo professionale.

   In tal caso la domanda presentata in precedenza si intende revocata.
Analoga possibilità viene prevista per il personale ATA incluso negli elenchi provinciali.

 

 

 

Personale precario della scuola

 

Norma di interpretazione autentica art. 1/bis legge 143/2004

·             Il piano pluriennale di immissione in ruolo previsto dalla Legge 143/04, di conversione in legge del decreto legge 7 aprile 2004, n. 97 riguarda anche il personale ATA.

 

·          In aggiunta al contingente del piano pluriennale previsto dalla Legge 143/04, a partire dall’anno scolastico 2006/07, vanno coperti, con relativa immissione in ruolo tutti i posti disponibili e vacanti a seguito del collocamento a riposo del personale docente ed ATA.

 

 

·          Al personale docente, inserito nelle graduatorie permanenti previste dalla legge 124/1999, in servizio nell’anno scolastico 2005/2006, con nomina di competenza del CSA, è attribuita la non licenziabilità. Pertanto, il personale di cui al periodo precedente, viene mantenuto in servizio, nell’ambito della stessa provincia, per lo stesso numero di ore di insegnamento dell’anno in corso, fino alla immissione in ruolo.

 

 

·          Al personale ATA in servizio nell’anno scolastico 2005-2006 è attribuita la non licenziabilità. Pertanto, il personale di cui al precedente periodo, è mantenuto in servizio, nell'ambito della provincia, fino all'immissione in ruolo.

 

·           In deroga a quanto disposto dalla legge n. 56/87 e successive modificazioni ed integrazioni, le assunzioni a tempo determinato del personale appartenente al profilo di collaboratore scolastico avvengono tramite graduatorie provinciali integrabili con cadenza triennale.

 

 

 

home page

lA STRUTTURA

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO