Approfondimento della notizia pubblicata martedì 30 settembre 2003 - ore 00:00

Argomento: Pensioni, pensionati e pensionandi
Personale: Tutto il personale in servizio
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

RIFORMA PENSIONI
La Confsal a Palazzo Chigi per il riordino sistema previdenziale.
LA CONF.S.A.L. è la confederazione dei sindacati autonomi cui aderisce lo Snals. La delegazione della CONFSAL guidata dal Segretario Generale, prof. Marco Paolo Nigi, con la presenza del Segretario Generale dello SNALS, prof. Fedele Ricciato, e del vice segretario prof. Gino Galati ha partecipato all’incontro a Palazzo Chigi avente per oggetto “Il documento per il riordino del sistema previdenziale”. La delegazione Governativa, guidata dal premier Silvio Berlusconi e composta da una larga rappresentanza di ministri, ha presentato una bozza di documento i cui contenuti sono stati giudicati dalla Confsal inaccettabili per carenza di organicità della proposta. Infatti, la CONFSAL ha definito la proposta una semplice riduzione della spesa pensionistica, non essendo state affrontate le grandi questioni della sostenibilità della spesa anche in relazione all’entrata. A conclusione dell’incontro il Segretario Generale della CONFSAL ha rilasciato il comunicato stampa di seguito riportato, poi ripreso dall’ANSA. CONFSAL – COMUNICATO STAMPA NIGI: CONFSAL CONTRARIA A SEMPLICI TAGLI DI SPESA “Il Governo non ha presentato una riforma organica, bensì una proposta di semplice taglio della spesa pensionistica”, ha dichiarato Marco Paolo Nigi, Segretario Generale della CONFSAL (Confederazione Generale dei Sindacati Autonomi dei Lavoratori) in seguito all’odierno incontro con il Governo. “Per garantire la sostenibilità della spesa – ha dichiarato Nigi – è necessaria una riconsiderazione dei flussi di entrata: a tale fine, l’aumento del numero dei contribuenti costituisce la soluzione più equa”. “In proposito – è tornato ad affermare il Segretario Generale – la CONFSAL, diversamente dalle altre Confederazioni, propone di aumentare il numero dei contribuenti attraverso una vera lotta al lavoro sommerso e al lavoro minorile; una forte politica per l’occupazione; l’introduzione di un sistema di scontistica per le casalinghe che ne alimenti il fondo e le pensioni; l’istituzione di una mutualità scolastica che permetta il versamento di contributi volontari da parte delle famiglie negli anni di studio dei propri figli, da ricongiungere con i versamenti effettuati dopo l’ingresso nel mondo del lavoro”. “Proponiamo inoltre – ha aggiunto Nigi – l’istituzione di una banca del tempo diretta a consentire al lavoratore e alla lavoratrice assenze dal lavoro, fino ad un massimo di tre/cinque anni nell’arco dell’intera vita lavorativa, per l’assistenza ai figli minori di tre anni, agli anziani e ai disabili, o per la riconversione professionale e la ricollocazione sul mercato degli ultracinquantenni che perdono l’occupazione. Gli anni sabbatici verrebbero dal lavoratore recuperati oltre il limite del pensionamento”. “La CONFSAL ha già convocato le Federazioni aderente per il prossimo sabato, al fine di decidere eventuali azioni di protesta”, ha concluso il Segretario Generale.

 

 

home page

lA STRUTTURA

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO