Approfondimento della notizia pubblicata martedì 24 settembre 2002 alle ore 00:00

Argomento: Argomento generale
Personale: Tutto il personale in servizio
Scuola: Tutti gli ordini e gradi di scuola

SPERIMENTAZIONI
Emanati il D.M. n.100 e la C.M. n.101 con i quali il Ministro intende avviare la sperimentazione.
Prima di alcune osservazioni sul decreto, ci premono due premesse: Lo Snals ha svolto in queste settimane un'azione pressione per modificare il testo del primo decreto di cui aveva rilevato molti punti critici, espressi poi anche nel parere del CNPI e dell'ANCI. Lo SNALS è contrario all'anticipo e alla individuazione, nella scuola elementare, di un insegnante prevalente o "unico" e intende riaffermare la volontà di salvaguardare gli spazi di libertà organizzativa offerti dall'autonomia scolastica e la paritetica valenza di tutti i docenti del team. Ecco le osservazioni: 1. Dal D.M. è stata eliminata la possibilità di riapertura formale delle iscrizioni anche se resta la possibilità di sperimentare l'iscrizione, ove ne ricorrano le possibilità, di bambini che compiono 3 o 5 anni entro il 28 febbraio prossimo. 2. E' fatto esplicito riferimento all'adesione al progetto deliberata dagli organi collegiali della scuola (art. 3, DPR 275/99) e alla collocazione della sperimentazione nell'ambito della flessibilità organizzativa e didattica prevista dall'autonomia con la conseguente possibilità di adattare il progetto secondo le esigenze del territorio . Va inoltre rilevato che è demandato al collegio la individuazione dei vari ruoli di responsabilità. 3. Per la scuola dell'infanzia recepisce il richiamo al "curricolo implicito" e recepisce alcuni principi evidenziati dal rapporto finale sulle linee di sviluppo. 4. E' stata attenuata la prescrittività del "minimo 18 ore" per il docente "tutor di riferimento", infatti il decreto reca: "una presenza temporale settimanale indicativamente individuata tra le 18 e le 21 ore". Suggeriamo ai collegi dei docenti che intendano sperimentare di adottare le 18 ore come tetto massimo o eventualmente anche un orario inferiore tenuto conto sia dell' "indicativamente" del D.M. sia del "tendenzialmente" previsto dalla circolare. L'orario del tutor oltre le ore di insegnamento è assolto in attività di coordinamento. 5. Le indicazioni allegate al D.M. non ne costituiscono più parte integrante, ma diventano esemplificazioni e suggerimenti. 6. Resta comunque il problema delle mancate risorse aggiuntive fresche e dei tempi troppo stretti per l'avvio della sperimentazione.

 
 
 Argomento generale
 LE SCHEDE DELLO SNALS
 C.C.N.L.
 TRASFERIMENTI
 CONTRATTI A TEMPO DET.
 CONTRATTO A TEMPO INDET.
 ATTIVITA' SINDACALE
 PENSIONI E PENSIONATI
 SVILUPPO  PROF. DOCENTE
 E.N.A.M.
 ORGANICI DEL PERSONALE
 MOBILITA' ANNUALE
 r.s.u.
 CONCORSI ORDINARI E RIS.
 

home page

lA STRUTTURA

la scuola

IL personale

gli argomenti

l'attivita'

le schede

L'ARCHIVIO